Le lampade non preparano la pelle all’abbronzatura

Le lampade non preparano la pelle all’abbronzatura

In molti sono  convinti che qualche seduta nei solarium  sia utile a preparare la pelle ai raggi solari

Per evitare di fare la figura delle mozzarelle in spiaggia, c’è chi si affida ai centri estetici per sottoporsi a qualche lampada abbronzante, convinto che ciò possa evitargli le scottature.

E’ utile esporsi alle lampade UV prima di esporsi al sole? In realtà si tratta solo di un luogo comune. Sottoporsi a lampade e docce abbronzanti per preparare la pelle al sole estivo non ha alcuna valenza scientifica, anzi: venti minuti di esposizione ai raggi UV della lampada equivalgono a 200/300 minuti sotto al sole naturale del mese di agosto e ciò comporta esattamente gli stessi gravi rischi.

Allora come ci si può proteggere?

Non ci sono espedienti per acquisire velocemente una abbronzatura che ci protegga efficacemente dai tumori della pelle. L’unico modo è spalmaresi creme con filtro solare adatto al proprio fototipo (scopri qui quello a cui appartieni), da applicare almeno ogni due ore per avere massima protezione; evitare di esporsi al sole nelle ore centrali della giornata (dalle 11 alle 16). In quelle ore è consigliabile stare all’ombra di un edificio e comunque spalmarsi abbondantemente con una crema con filtro solare di almeno 15.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *