Il melanoma non è sempre scuro

Il melanoma non è sempre scuro

Molto raramente il melanoma è “amelanotico” (senza melanina), ovvero color pelle o più chiaro.
In estate se ne parla di più, sebbene questa grave patologia non conosca stagioni. I tumori della pelle sono di tre tipi: basaliomi (i più comuni, che non danno metastasi a distanza, ma tendono a recidivare localmente) carcinomi spinocellulari (più rari, possono, occasionalmente dare metastasi a distanza) e, molto più rari, melanomi, la cui probabilità di dare metastasi a distanza dipende dallo spessore alla diagnosi.  Il rapporto tra i tre tipi è grosso modo 1000 basaliomi, 100 spinocellulari, 10 melanomi.   I dati AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori) riportano che i tumori cutanei non melanomi sono al primo posto tra gli uomini e al secondo tra le donne, secondi solo al tumore al seno.

Per quanto i melanomi siano più rari rispetto agli altri tumori cutanei, nel 2017 in Italia circa 14.000 persone, 7.300 uomini e 6.700 donne, hanno avuto una diagnosi di melanoma cutaneo. l’incidenza cresce ogni anno del 4,4% nella popolazione maschile e del 3% in quella femminile.

Nei casi iniziali è necessario l’ausilio di una visita specialistica dermatologica con la dermatoscopia, che rileverà i cambiamenti ultrastrutturali della lesione. Per tale ragione, è consigliabile una visita annuale dei nevi presso uno specialista; di solito i melanomi hanno un colore variabile dal bianco al blu al marrone scuro, con aspetto non uniforme e bordi irregolari e distinguibili dai nei che hanno bordi e forma regolari e colore uniforme. Tuttavia non vanno sottovalutate le lesioni più chiare o rosa: il melanoma non è sempre scuro,  molto raramente si verificano casi di melanoma  “amelanotico” ( senza melanina): anche le lesioni chiare o rosa di nuova insorgenza, o che crescono rapidamente o sanguinano,  devo essere segnalate al dermatologo.

Chi sono i soggetti più a rischio di melanoma?

Il principale fattore di rischio ambientale è l’esposizione intensa alle radiazioni ultraviolette, chi ha parenti di primo grado affetti da melanoma o ha avuto già una diagnosi istologica di melanoma, ha un rischio maggiore di sviluppare un melanoma, così come coloro che hanno una pelle chiara e quindi poca melanina con cui proteggere la loro pelle.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *