Report da ASCO 2018

Report da ASCO 2018

Si è svolto a Chicago dall’1 al 5 giugno l’annuale congresso della Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO) da cui quest’anno non sono emerse novità rilevanti nel trattamento del melanoma dopo gli enormi progressi degli ultimi 8 anni in questo campo.

Secondo il Dr. Sullivan, oncologo al Massachusetts General Hospital di Boston, Massachusett, specializzato nella cura dei pazienti affetti da melanoma metastatico e ricercatore responsabile di studi clinici che esplorano lo sviluppo di biomarcatori predittivi nel trattamento dei pazienti con melanoma, il problema più importante oggi nel trattamento dei pazienti affetti da melanoma metastatico è quale sia il miglior trattamento di prima linea e ci sono studi in corso per dare risposta a questo quesito ma è presto per i risultati. Rimane aperta anche la questione di come trattare circa il 50% dei pazienti che ricade dopo immunoterapia di prima linea. Negli ultimi 10 anni c’è stato un enorme cambiamento nel modo di trattare i pazienti affetti da melanoma metastatico. Sono stati approvati, o sono in procinto di esserlo, quasi una dozzina di nuovi farmaci per il melanoma, includendo le terapie di combinazione. Siamo passati dal non avere niente da offrire ai nostri pazienti all’avere molte opzioni, e questo si è tradotto in un aumento di sopravvivenza, poiché i farmaci si sono dimostrati efficaci.

Nel 2008 è stata pubblicata una meta-analisi di 42 studi di fase 2 condotti tra il 1977 e il 2005 in pazienti (2100) affetti a melanoma metastatico trattati con chemioterapia che riportava una sopravvivenza mediana di 6.2 mesi (95% CI, 5.9-6.5 mesi), con il 25% (95% CI, 23.6%-27.4%) dei pazienti vivi a un anno e una sopravvivenza a 5 anni inferiore al 5%. (1) Leggi l’articolo originale in inglese

Se guardiamo i risultati dei grandi studi randomizzati come Columbus (2), Checkmate 067 (3), Keynote 006 (4) la sopravvivenza a 1 anno è superiore al 50% e a 3 anni è fra il 40 e il 50%. Non sappiamo ancora quale sarà la sopravvivenza a 5 anni di questi studi, ma è verosimile attendersi che sia di gran lunga superiore a quella osservata in precedenza negli studi con chemioterapia. Questo mette in evidenza che non solo sono stati approvati molti nuovi farmaci , ma anche che il loro impiego ha avuto un impatto favorevole nel prolungare la vita dei pazienti affetti da melanoma metastatico, anche se la maggior parte di loro muore ancora a causa di questa malattia: una sopravvivenza a 5 anni del 30-40% è molto meglio di quella ottenibile con la chemioterapia, ma non è ancora abbastanza. Abbiamo bisogno di migliorare il modo in cui trattiamo i pazienti in prima linea e conoscere quali siano le migliori sequenze di farmaci da somministrare. Dobbiamo migliorare anche il trattamento delle tossicità di questi farmaci e le strategie per predire chi svilupperà queste tossicità e con quali farmaci. Dobbiamo migliorare il modo in cui scegliamo chi trattare, con quali farmaci e quando e quali sono i trattamenti e le sequenze di trattamenti ottimali per quel paziente per comprendere a superare i meccanismi di resistenza ai farmaci immunologici e a quelli orali, a bersaglio molecolare.

Dobbiamo diventare più bravi anche a trattare i pazienti con melanoma uveale, dove non ci sono stati molti progressi, nonostante la nostra abilità a trattare questi pazienti con i farmaci disponibili per il melanoma cutaneo metastatico. Abbiamo la necessità di identificare terapie efficaci nel melanoma uveale, perché i farmaci attuali non sono poi tanto efficaci in questa malattia. Soprattutto non abbiamo modo di sviluppare una strategia di trattamento efficace per ogni paziente che si presenta alla nostra attenzione per aumentare le sue probabilità di beneficio.

1. Korn et al. J Clin Oncol 26:527-534. 2008
2. Dummer et al. Lancet Oncol. 2018 May;19(5):603-615
3. Larkin et al. N Engl J Med. 2015 July 02; 373(1): 23–34
4. Schachter J et al. Lancet. 2017 Oct 21;390(10105):1853-1862

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *